Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Alessandro Haber legge il Cantore di Gabriele Tinti

Il video inedito Il Cantore documenta la lettura di una poesia di Gabriele Tinti che l’attore Alessandro Haber ha tenuto lo scorso gennaio alla Pinacoteca di Brera. Il Cantore è ispirato all’omonimo affresco del ciclo pittorico della Casa Panigarola già Visconti attribuito a Donato Bramante e protagonista del nuovo allestimento della sala X del Museo. L’evento è stato possibile grazie all’impegno di Karen Film e Palazzo Matteotti, The Dedica Anthology.

Il video rientra nel progetto Rovine, frutto del culto delle immagini di Tinti, che ha composto una serie di poesie ispirandosi ai più importanti capolavori dell’arte come Il pugile a riposo, Il Galata suicida, il Giovane vittorioso (Atleta di Fano), il Fauno Barberini, Il Discobolo, I marmi del Partenone, l’Ercole Farnese e molti altri ancora, collaborando, negli anni, con attori (tra cuii Joe Mantegna, Robert Davi, Burt Young, Vincent Piazza, Franco Nero, Luigi Lo Cascio, Marton Csokas e Alessandro Haber) e alcuni dei maggiori musei al mondo (Metropolitan di New York, J. Paul Getty Museum di Los Angeles,  British Museum di Londra, Museo Nazionale Romano di Palazzo Massimo e Palazzo Altemps, Gliptoteca di Monaco, Musei Capitolini, Museo dell’Ara Pacis e Museo Archeologico di Napoli). 

Rovine è stato insignito del Premio Montale Fuori di casa per la poesia 2018 ed è stato recentemente scelto per celebrare il riallestimento delle collezioni del Getty Villa, per proseguire il dialogo iniziato con la mostra di artisti contemporanei "Plato in LA" in occasione della quale alcuni dei più celebrati artisti del panorama odierno hanno reinterpretato l'impatto di Platone sul mondo contemporaneo. Alcune immagini dell'evento dell'8 Maggio al Getty Museum sono visibili qui e nel sito del media partner dell'evento The Laboratory Arts Collective. 

"Leggere Rovine è stato come abbandonare ogni resistenza al passato, indossare ogni volta una maschera diversa, quelle degli antichi attori tragici, per provare a seguirli nell'incantesimo capace di unire le parole alle immagini" Alessandro Haber
 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo