Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Barbara Carle: Circe diffonde i suoi incanti

Una raccolta di poesie dedicate ad un luogo, Formia, alle sue molteplici suggestioni (da quelle storico-mitiche a quelle più quotidiane, il profumo dei limoni, il sapore delle sfogliatelle), agli amici ad esso legati. In Sulle orme di Circe, Incontri a Formia, pubblicato da Ghenomena, Barbara Carle usa le lettere della parola Formia per strutturare un omaggio in sei sezioni, dalla F di Festival alla O di Orme, dalla R di Rodolfo alla M di Mare, dalla I di Incontri alla A di Acqua. All’interno di questo schema giocoso fluiscono i temi del libro: la storia, il paesaggio, l’amicizia, la maternità, la luce.

 

 

 

 

 

 

 

Barbara Carle è nata a Peshawar, in Pakistan, da madre francese e padre americano. Ha vissuto in Nord Africa, in Asia, in Sud America e in Europa. Si è laureata in letteratura italiana alla Columbia University di New York ed è attualmente ordinario di italianistica alla California State University di Sacramento. Ha al suo attivo numerosi lavori di critica letteraria e traduzioni di poeti contemporanei italiani (Rodolfo Di Biasio, Gianfranco Palmery, Domenico Adriano, Tommaso Lisi, Domenico Cipriano e altri) ed è autrice di poesia sia in inglese che in italiano. In Italia ha pubblicato le seguenti raccolte: Don't Waste My Beauty / Non guastare la mia bellezza (Caramanica 2006), Tangible Remains / Toccare quello che resta (Ghenomena 2009) e, Sulle orme di Circe (Ghenomena 2016), scritta interamente in italiano, e l'antologia poetica Tra il cielo e la terra, Between Heaven and Earth, Poesie in cinese classico, inglese e italiano con Curtis Dean Smith, La Vita Felice. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo