Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Calvo: l`esperienza di Liber Liber

Il presidente di Liber Liber Marco Calvo racconta a Rai Letteratura l'esperienza della biblioteca telematica più grande d'Europa e ragiona sulle frontiere della distribuzione editoriale digitale.

Liber Liber, nota per il progetto di biblioteca telematica accessibile gratuitamente (progetto Manuzio) e per l'archivio musicale (LiberMusica), è una o.n.l.u.s. fondata nel 1994che ha come obiettivo la promozione di ogni espressione artistica e intellettuale. In particolare, Liber Liber si propone di favorire l'utilizzazione consapevole delle tecnologie informatiche in campo umanistico e di avvicinare la cultura umanistica e quella scientifica.

Grazie alla collaborazione di volontari e sponsor come la E-text, i capolavori della letteratura e le altre opere edite dal progetto Manuzio vengono prelevate mensilmente da centinaia di migliaia di utenti al mese. Liber Liber promuove inoltre numerose altre iniziative volte alla diffusione delle conoscenze informatiche in ambito umanistico, dedicando sempre una particolare attenzione a tutti gli strumenti capaci di facilitare un accesso libero e attivo al dibattito e alla produzione culturale italiana e internazionale.

In quest'ottica, grazie al progetto LiberMusica è stato creato un archivio musicale che cresce a ritmi serrati ed ospita migliaia di capolavori di musica classica, e non solo. Con il progetto LiberGNU si stanno invece sviluppando un lettore e un editor "open source" per e-book. Il progetto LiberScuola sta distribuendo e implementandouna approfondita guida alle risorse Internet dedicate alla scuola. Con LibriLiberi si è dato vita a uno dei più vivaci "bookcrossing" italiani. Molto entusiasmo poi sta suscitando il più giovane dei progetti: il Libro parlato, ovvero la produzione di audio-libri letti da attori e volontari (come sempre, liberamente scaricabili dal sito). Con Pagina Tre si è costituito un network di riviste culturali, mentre con Open Alexandria (che vanta preziosi alleati come Wikimedia) si progetta una nuova piattaforma per la produzione e distribuzione di contenuti digitali, una innovazione che promette di rivoluzionare il mondo dei contenuti liberi da copyright.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo