Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Consigli di scrittura: Roddy Doyle

 Consigli di scrittura: Roddy Doyle

Sulla scorta del decalogo di scrittura stilato nel 2010 da Elmore Leonard, il quotidiano britannico The Guardian ha chiesto ad alcuni dei principali scrittori odierni di proporre i loro “comandamenti” di scrittura.

Questa settimana le regole di Roddy Doyle.

1. Non sistemare una fotografia del tuo autore preferito sulla scrivania, soprattutto se è un autore famoso per essersi suicidato.

2. Sii gentile con te stesso. Riempi le pagine il più velocemente possibile: usa l’interlinea doppia o aumenta la spaziatura. Considera ogni nuova pagina come un piccolo trionfo…

3. … finché non arrivi a pagina 50. A quel punto fai un bel respiro e comincia a preoccuparti della qualità di quello che hai scritto. Sentiti pure ansioso, fa parte del lavoro.

4. Trova un titolo il più velocemente possibile. Vedilo, sentilo. Dickens sapeva che Casa Desolata si sarebbe intitolato così ancor prima di iniziare a scriverlo. Il resto dovrebbe essere facile.

5. Limitati a visitare un paio di siti web al giorno. Tieniti molto lontano dai siti di libri on line, a meno che non sia per una ricerca.

6. Compra pure un dizionario dei sinonimi e contrari, ma tienilo nel capanno in giardino o dietro il frigorifero o in qualsiasi altro posto che richieda uno sforzo per prenderlo. Usa le parole che ti vengono spontaneamente in mente, ad esempio "cavallo", "corse", "disse". Andranno benissimo.

7. Occasionalmente cedi a qualche tentazione. Lava il pavimento della cucina, stendi i panni. È comunque una ricerca.

8. Cambia idea. Le buone idee sono speso soppiantate da quelle migliori. Stavo lavorando sul romanzo di una band chiamata Partitions. Poi decisi di chiamarla Commitments.

9. Non metterti a cercare su Amazon il libro che non hai ancora scritto.

10. Lavora per qualche minuto al giorno sulla biografia di copertina: "Si divide tra Kabul e la Terra del Fuoco". Poi però torna a scrivere.

Tags

Condividi questo articolo