Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Fabio Deotto, Un attimo prima

In una Milano di un futuro prossimo in cui il denaro non si usa più, il cibo e l’alloggio sono garantiti, la cosa più ambita sono i punti sanitari che consentono di accedere a cure mediche e si vive nel terrore di essere retrocessi alla condizione di “precittadini”, si aggira Edoardo, un cinquantenne che ha perso tutto: il fratello, il nipote, la moglie. In Un attimo prima Fabio Deotto si sposta tra il presente, in cui il protagonista si sottopone alla Scatola specchio, un trattamento psicologico che lo porta indietro nel tempo, e il passato evocato dalle varie sedute: Edoardo e il fratello Alessio in vacanza con i genitori in America; Alessio che s’innamora di Aisley e viene da lei coinvolto nel movimento antagonista; la nascita del nipote Sealth; la morte di Alessio in un incidente d’auto con esplosivo. Il nodo del libro è un nodo politico: l’autore non si schiera né dalla parte di Alessio, che si è speso fino allo spasimo per contrastare il potere né da quella di Edoardo che ha cercato di andare avanti come poteva, assistendo alla Crisi, al Crollo e alla Ricostruzione. Un romanzo ambizioso che scandaglia scenari da prevenire finché si è in tempo.

 

Fabio Deotto è nato a Vimercate (MB) nel 1982. Laureato in Biotecnologie, scrive articoli, interviste e approfondimenti a sfondo scientifico e musicale per numerose riviste nazionali. Ha pubblicato nel 2014 Condominio R39 e nel 2017 Un attimo prima.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo