Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gian Mario Villalta, Bestia da latte

Bestia da latte, il nuovo romanzo di Gian Mario Villalta pubblicato da Sem, si apre con il ricordo di un dolore fisico e mentale provato da bambino (le pallonate tirate addosso intenzionalmente dal cugino e le spinte nel fango e la paura di quello che potrebbe ancora seguire) e intorno alla rievocazione di questa violenza si sviluppa tutta la narrazione. Il protagonista ha studiato, è diventato insegnante, non vive più nella campagne della sua infanzia, ma conserva dentro di sé la ferita aperta che risale ai suoi undici anni e alle persecuzioni subite da parte del cugino Giuseppe. Villalta ricostruisce un ambiente familiare contadino come ce n’erano tanti negli anni sessanta e illustra i motivi del comportamento del bullo: le cinghiate che riceve dal nonno ubriacone, la predilezione di questo per l’altro nipote, la sofferenza provata per l’abbandono materno e per la brutta fama che la madre incolpevolmente si è attirata addosso. Il problema non è tanto Giuseppe (o lo è proprio perché l’io narrante lo ha amato e lo ha considerato un quasi fratello), il problema sono i familiari che non hanno mosso un dito per porre fine agli atti crudeli che si svolgevano  a poca distanza dai loro occhi. Donne impegnate in battaglie di supremazia (suocera contro nuora, cognata contro cognata), uomini assorbiti dal desiderio di arricchirsi e abbandonare le stalle; quello che succede tra i ragazzi viene ignorato nella convinzione che i conflitti si risolveranno da soli. E in effetti Giuseppe da un giorno all’altro finirà di costituire una minaccia per l’uomo che lo ricorda a distanza di anni, ma se hai perso la fiducia in te stesso e negli altri da piccolo fai molto fatica a ritrovarla.

Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pasiano, in provincia di Pordenone, nel 1959. Laureato in Lettere a Bologna, pubblica dai primi anni Ottanta. Dal 1984 insegna al Liceo Scientifico Ettore Majorana di Pordenone. Nel 2002 ha creato il festival del libro Pordenone Legge. Tra i suoi libri: Satyricon 2.0 (2014), Scuola di felicità (2016), Padroni a casa nostra (2009), Lo sguardo della poesia (2014), Telepatia (2016).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo