Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Giancarlo De Cataldo: non chiamatelo poliziesco

"E' divertente leggere di una bibliotecaria che s'improvvisa detective o di un architetto o di un gruppo di anziani amici che lo fanno, è divertente, ma non chiamate questi libri polizieschi. Il poliziesco è un'altra cosa": parola di Giancarlo De Cataldo. Il suo Come si racconta una storia nera, pubblicato da Rai Eri è insieme un manuale di avviamento alla carriera di scrittore noir e un riepilogo della storia dei propri libri. De Cataldo insiste sulle regole (per superarle bisogna comunque padroneggiarle), sulla struttura (a meno di non essere Rilke è meglio sapere in anticipo dove si va a parare) e sulla conoscenza dei meccanismi processuali: la base di partenza per qualunque aspirante giallista.

 

Giancarlo De Cataldo è nato a Taranto e vive a Roma. Magistrato e scrittore, ha pubblicato tra l’altro Romanzo criminale (2002 e 2013); Nero come il cuore (2006, il suo romanzo di esordio); Nelle mani giuste (2007); Onora il padre. Quarto comandamento (2008); Il padre e lo straniero (2010); Io sono il Libanese (2012 e 2013); con Carlo Bonini, Suburra (2013 e 2014) e La notte di Roma (2015). Romanzo criminale ha dato origine al film di Michele Placido, e a una serie televisiva su Sky. Recentemente è diventato un film anche Suburra.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo