Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il Maggio dei Libri - 23 aprile/31 maggio

 Il Maggio dei Libri - 23 aprile/31 maggio

Dal 23 aprile, Giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore, fino al 31 maggio, torna per l’ottavo anno consecutivo Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale, promossa dal Cepell (Centro per il libro e la lettura) del Mibact (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), con il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

 

È possibile aderire alla campagna con iniziative che si svolgano tra il 23 aprile e il 31 maggio, registrandosi presso la banca dati sulla piattaforma dedicata (ilmaggiodeilibri.it/registrazione).

 

Sono 3 filoni tematici ai quali ci si può ispirare per le proprie iniziative: Lettura come libertà; 2018 Anno Europeo del Patrimonio; La lingua come strumento di identità.

Il primo tema rimanda allo sviluppo ed esercizio della libertà individuale, di pensiero critico e quindi di azione, che si affina grazie alla lettura. E libertà è anche saper scegliere cosa, come e dove leggere, avere il coraggio di essere se stessi e affrontare la vita. Nel 2018, inoltre, ricorrono i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana i cui principi si fondano sulla libertà. Il secondo tema è invece collegato all’Anno europeo del patrimonio culturale. Siamo tutti invitati a pensare e organizzare iniziative nuove, eventi che mirino a coinvolgere soprattutto chi nei diversi settori non si è ancora avvicinato al patrimonio, con un occhio di riguardo per i giovani, i bambini e gli anziani. “Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro” è la declinazione italiana di questa festa e il Cepell la celebra incrociando le attività del FAI – Fondo Ambiente Italiano attraverso il progetto Missione Paesaggio. Infine, il terzo tema: “Dimmi come parli e ti dirò chi sei” è il senso più autentico della conoscenza di una lingua. Non solo strumento di comunicazione, essa rivela la nostra visione del mondo, il nostro stile di vita, plasma la realtà e ne modifica valori e significati. A un anno dalla morte di Tullio De Mauro, questo filone è insieme un omaggio e un impegno: sottolineare il valore insostituibile della lingua, perché, come egli ebbe più volte a ripetere: “la distruzione del linguaggio è la premessa a ogni futura distruzione”.

 

Per tutte le info e il programma completo vai al sito: www.ilmaggiodeilibri.it

 

 

Tags

Condividi questo articolo