Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

In ricordo di Adele Cambria

E' morta a Roma Adele Cambria, una delle madri del femminismo. Giornalista e scrittrice, aveva 84 anni ed era stata direttrice di "Effe", il primo magazine del movimento femminista. Firmò con Sofri "Lotta continua" e recitò in tre film di Pasolini.

Rai Letteratura la ricorda in questa intervista di qualche anno fa.

Due adolescenti in viaggio nel cuore della Magna Grecia insieme a un'attempata, eccentrica, vivacissima zia. Fra loro un patto: quella di immergersi nel “mare della Storia sconosciuta delle donne”. Una promessa che inizialmente le due ragazzine coglieranno con superficialità e una punta di diffidenza ma che si tradurrà in un'indimenticabile (ri)scoperta delle proprie origini e della propria cultura. In viaggio con la zia, di Adele Cambria, è il racconto di un itinerario della memoria e dell'anima: attraverso i luoghi più suggestivi della Calabria e della Sicilia, le tre protagoniste si ritroveranno a confrontarsi con l'essenza più profonda del rapporto fra femminile e maschile, riscoperta e valorizzata sulle tracce dei miti del Mediterraneo sullo sfondo di uno scenario naturale che trasuda Storia, fascino e poesia.

Adele Cambria,è una delle più grandi voci femminili del giornalismo italiano. Ha esordito nel 1956 e, nel corso degli anni, ha collaborato per le maggiori testate nazionali, da “Paese Sera” a “La Stampa” a “Il Messaggero”, a “L’Espresso” di Arrigo Benedetti, e via via nel tempo, a “L’Europeo”, “Il Giorno”, ancora a “Il Diario della settimana”, “Specchio della Stampa”, “Il Domani della Calabria”, “L’Unità”.
Ha collaborato con la Rai realizzando trasmissioni e documentari dedicati all'immagine televisiva della donna e sul Sud Italia.
Pioniera del movimento femminista in Italia, ha diretto negli Anni Settanta la rivista “Effe”, il primo magazine del Movimento Femminista diffuso attraverso le edicole, ed è stata tra le fondatrici del Teatro “La Maddalena”. Ha collaborato dal 1969 fino al 1999 con “Noi Donne”.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo