Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Iréne Cohen-Janca, Maurizio Quarello, L`albero di Anne

 Iréne Cohen-Janca, Maurizio Quarello, L`albero di Anne

Raccontare la storia di Anne Frank dal punto di vista dell’ippocastano che lei vedeva dalle finestre della casa di Amsterdam, dove era reclusa: questa la sfida assunta dalla scrittura di Irène Cohen-Janca e dalle magnifiche tavole di Maurizio A. C. Quarello in L’albero di Anne (traduzione di Paolo Cesari, Orecchio acerbo): “Io, l’ippocastano del giardino al numero 263 di Prinsengracht, ho regalato a una ragazza di tredici anni, prigioniera come un uccello in gabbia, un po’ di speranza e di bellezza. A lei, che nel suo nascondiglio sognava di sentire sul viso l’aria gelata, il calore del sole e il morso del vento,con le mie metamorfosi ho regalato lo spettacolo delle stagioni.” È un libro emozionante L’albero di Anne: riesce a restituire lo sguardo della ragazza, l’assurdità della sua vicenda, la forza che emerge dal diario, l’importanza della memoria.

 

 

 

Irène Cohen-Janca è nata nel 1954 a Tunisi. Ha vissuto molti anni a Parigi dove, dopo essersi laureata in Lettere Moderne, è diventata bibliotecaria. Nel 2000 è cominciata la sua collaborazione con Editions du Rouergue, con cui ha pubblicato moltissimi racconti e romanzi per ragazzi. Nel catalogo di orecchio acerbo: Frantz e il Golem (2016), L'ultimo viaggio (2015), Il grande cavallo blu (2012) e L’albero di Anne (2010) tutti illustrati da Maurizio A.C. Quarello.

 

Maurizio Quarello è nato nel 1974 a Torino, dove ha studiato grafica, architettura e illustrazione. Dopo varie esperienze nella pubblicità e nella pittura naturalistica, a partire dal 2004, si è dedicato all’illustrazione per l’infanzia ottenendo, in quell’anno, il Prix des Mediateurs Figures Futur al Salon de Montreuil e tre primi premi a concorsi di livello nazionale. Nel 2005 ha pubblicato il suo primo libro con orecchio acerbo editore. Ad oggi ha al suo attivo oltre trenta titoli, pubblicati dalle più interessanti case editrici in Spagna (OQO), Francia (Sarbacane, Rouergue, Milan), Svizzera (Bohem Press) e Italia (orecchio acerbo, Fatatrac e Logos). I suoi libri hanno ricevuto quattro volte il premio per il migliore albo dell’anno pubblicato in Italia.

Tags

Condividi questo articolo