Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Italo Svevo. Ritratto di uno scrittore

Il filmato, tratto da un documentario del 1970, racconta la vita e l`opera dello scrittore Italo Svevo (pseudonimo di Ettore Schmitz, Trieste 1861 - Treviso 1928). La doppia ascendenza dello scrittore, italiana e tedesca, come ricorda lo pseudonimo da lui scelto, trova una perfetta corrispondenza nell’ambiente mitteleuropeo della città di Trieste, dove avvenne la sua formazione. Nel 1880, Svevo entra come impiegato nella filiale triestina di una banca viennese e da questa esperienza di lavoro origina l’ispirazione per il suo primo romanzo Una vita, del 1892, ignorato dalla critica del tempo. Non diversa sorte toccò al secondo romanzo Senilità del 1898, anch’esso autobiografico, ed in seguito alla delusione, l’autore decise di abbandonare la letteratura, per dedicarsi all’attività commerciale. Solo dopo la fine della guerra, nel 1919, iniziò a scrivere La coscienza di Zeno, pubblicato nel 1923, che gli procurerà il successo. Il romanzo è la storia dei rapporti di Svevo con la psicanalisi, una sorta di diario scritto dal protagonista dietro suggerimento di uno psicanalista che l’ha avuto in cura. Il filmato termina con un brano tratto dallo sceneggiato televisivo La coscienza di Zeno, del 1966 di Daniele D’Anza, interpretato da Alberto Lionello.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo