Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La Giara: la Rai premia il talento letterario

Uno scouting culturale con un’anima. Un osservatorio capillare a caccia di scritture emergenti, giovani talenti e nuovi stili di scrittura: è il Premio letterario La Giara per romanzi inediti di autori al di sotto dei trentanove anni, un’iniziativa di Rai Eri nell’ambito della sua attività di ricerca come casa editrice. Uno dei tratti distintivi del Premio letterario La Giara è senz’altro la territorialità: il “vivaio” di nuovi narratori, infatti, viene individuato da 21 commissioni di esperti presenti in ogni sede Rai sul territorio.

Giovani scrittori italiani vengono in tal modo scoperti, premiati, curati e - soprattutto - lanciati.

È attraverso il Premio La Giara - ma anche grazie al Laboratorio di scrittura creativa “Il libro che non c’è” - che Rai Eri accompagna l’ingresso di nuovi autori nel mondo dell’editoria, cercando di mettere a fuoco le linee di tendenza e di rafforzare una relazione stabile e continuativa con il territorio.

Gli autori possono inviare i propri manoscritti alle 21 sedi regionali della Rai per partecipare alla IV edizione del Premio: c’è tempo fino al 31 dicembre 2014. Bando e regolamento sono disponibili sul sito: www.premioletterariolagiara.it

Per saperne di più, Rai Letteratura ha incontrato Paola Gaglianone e Alessandro Salas, da tre anni curatori del Premio.

 

 

Paola Gaglianone ha insegnato lettere nei licei ottenendo un decreto ministeriale per la diffusione di laboratori di scrittura e lettura nelle scuole e la formazione degli insegnanti. Ha realizzato con la casa editrice Armando e l’Istituto Luce il progetto sperimentale COSTELLAZIONI. Ha scritto per la Rete 3 della Rai il testo teatrale la Follia di Giovanni. Lasciato l’insegnamento ha creato e diretto il progetto editoriale del Gruppo Editoriale Marcon. Ha poi avviato il settore di narrativa della casa Editrice Edizioni Associate. Ha fondato IL LIBRO CHE NON C’E’, centro di promozione della scrittura e della lettura, collaborando con il Comune di Roma nella realizzazione di 3 edizioni de “LA FIERA DEL LIBRO CHE NON C’E”, manifestazione per far conoscere ai giovani i più importanti autori italiani. Ha ideato e curato la collana de “Il libro che non c’è” di libri-conversazione con i più importanti autori italiani (tra gli altri, Tabucchi, La Capria, Bufalino, Maraini, Malerba, Canali, Starnone, Tamaro). Ha fondato la casa editrice OMICRON, specializzata in narrativa italiana e latino americana e poi acquisita dal Gruppo Baldini & Castoldi, con cui ha poi collaborato per la promozione della narrativa. E’ stata responsabile della sede romana della casa editrice Il Saggiatore. Ha fatto parte per 10 anni del cda dell’Istituzione Biblioteche del Comune Di Roma fondando i circoli di lettura e il PREMIO BIBLIOTECHE DI ROMA. Ha collaborato in Rai come curatice - a Radio 1 - della rubrica La BIBLIOTECA IDEALE e a Rai 1 come autore di Casa Rai Uno e Uno mattina, dove ha curato in video per quattro anni la rubrica Storie al telefonino. Con Alessandro Salas cura da sette anni per Rai Eri Il LABORATORIO DI SCRITTURA CREATIVA e da tre il PREMIO LETTERARIO RAI LA GIARA per giovani autori.

Alessandro Salas nasce in Sicilia quasi quarant'anni fa. Nella vita ha fatto una quantità di cose, tra cui laurearsi in psicologia. Nel 2005 e 2007 pubblica rispettivamente un romanzo (Nella terra di nessuno c'erano tutti) e una raccolta di racconti (Schizoamore). Da sette anni affianca Paola Gaglianone, sua editor e "mamma letteraria" nella conduzione del laboratorio di scrittura creativa "il Libro che non c'è" e da tre anni nella gestione del premio letterario "La Giara". Fuggito dalla città, vive nella campagna calabrese con una compagna e tre figli.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo