Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La giornata dello scrutatore Amerigo-Calvino

“Lo scrutatore arriva alla fine della sua giornata in qualche modo diverso da com’era al mattino; e anch’io, per riuscire a scrivere questo racconto, ho dovuto in qualche modo cambiare”. Dieci anni, dal ‘53 al ’63: tanto è stato necessario a Italo Calvino per completare La giornata d’uno scrutatore, il capolavoro misconosciuto ispirato dall’episodio della sua vita in cui ha preso coscienza che il motore del progresso non è la ragione ma la forza misteriosa degli affetti. Il romanzo racconta la giornata che Amerigo Ormea, intellettuale comunista e alter ego dell'autore, passa come scrutatore durante le elezioni del 1953 alla Piccola Casa della Divina Provvidenza "Cottolengo" di Torino, un istituto religioso dove sono ricoverati migliaia di minorati fisici e mentali. Lo scopo di Amerigo è quello di impedire che persone incapaci di intendere e di volere siano indotte dai religiosi a votare per la DC. Tuttavia la vista di coloro che abitano quel mondo parallelo scuoterà profondamente la sua coscienza, mettendo in crisi tutte le sue certezze e rendendolo, alla fine della giornata, un uomo diverso.

Un viaggio lungo un giorno è la puntata di Cultbook in onda su Rai 5 mercoledì 29 ottobre alle ore 22.50 che vede protagonisti La giornata di uno scrutatore di Italo Calvino, Sutton di J.R. Moehringer e Il battello ebbro di Arthur Rimbaud. Eraldo Affinati per i suoi classici lancia le schegge letterarie dell’ Ulisse di Joyce e Una giornata  di Pirandello, per interrogarci sul nostro modo di percepire la vita e gli altri.

In replica anche sabato 1° novembre alle 8.40, sempre su Rai 5.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo