Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La malinconia di Giosuè Carducci

Il critico letterario Guido Davico Bonino parla di Giosuè Carducci (Valdicastello, Lucca 1835 - Bologna 1907) e sottolinea come abbia pesato lo stereotipo, da lui stesso creato, di “poeta vate” che s`incarna nella figura del laico repubblicano che tuona contro i potenti e parla di rivoluzioni impossibili. In questa unità si è lasciato da parte il poeta "tribuno" e si è attinto dalle Odi barbare (1889) e da Rime e ritmi (1899), in cui Carducci, raccolto nell`intimità, ripensa con malinconia ai cari scomparsi, nel desiderio di un sereno trapasso. L`attore Umberto Ceriani legge dalle Odi barbareNella piazza di S. PetronioFantasia, EgleCeriloSogno d`estateAveNevicataL`ostessa di Gaby. Da Rime e ritmiPresso una Certosa.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo