Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Lluís Prats Martínez, Hachiko, Il cane che aspettava

Ambientato tra il 1924 e il 1933 a Tokyo e ispirato a una storia vera, Hachiko, Il cane che aspettava dello scrittore catalano Lluís Prats Martínez, pubblicato da Albe e illustrato da Zuzanna Celej, racconta del cane di un professore giapponese che per anni dopo la morte del suo padrone continua ad aspettarlo in stazione all'ora in cui era solito tornare dal lavoro. Il giorno in cui va (in ritardo) a ritirare il pacco con dentro il cucciolo di razza akita che sua moglie ha ordinato per la figlia, il cinquantatreenne Eisaburo Ueno non sa che sta per incontrare una creatura speciale. Tra il professore di trigonometria e il cane bianco si sviluppa un legame fortissimo, cementato da lunghe passeggiate in città e al mare. Non hanno molto tempo per stare insieme: dopo un anno e mezzo, alla vigilia di una vacanza, Eisaburo muore all’improvviso durante un congresso. Hachiko non si rassegna e, con l’appoggio delle persone amiche che lo nutrono e lo difendono dall’addetto al canile, piantona la stazione fino alla fine. Stringato e commovente.

Abbiamo intervistato l'autore alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna con l'aiuto di Alberto Cristofori per la traduzione.

Lluís Prats Martínez (Terrassa, Spagna, 1966) ha studiato Storia dell’arte e Archeologia all’Università autonoma di Barcellona e all’Università di Girona. Per alcuni anni si è dedicato alla ricerca e all’insegnamento, nella scuola primaria e in quella secondaria. Ha lavorato come curatore di libri d’arte e come produttore cinematografico a Los Angeles (California). Ha scritto saggi, libri d’arte e romanzi storici. È autore di numerosi libri per bambini e ragazzi tradotti in diverse lingue.

Zuzanna Celej (Łódź, Polonia, 1982) ha vissuto da bambina a Barcellona e Girona. Diplomata in Fotografia e Incisione all’Università di Barcellona, ha studiato illustrazione alla Scuola d’arte e disegno Llotja. Ha lavorato nei settori della fotografia artistica, della pittura e dell’incisione e ha realizzato manifesti pubblicitari, grafica per la moda e murales.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo