Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Mala Vita. Racconti dal carcere

Un volume che raccoglie i racconti, finalisti del Premio letterario Goliarda Sapienza, scritti da detenuti di nazionalità diverse e accompagnati da introduzioni di voci autorevoli di scrittori: è “Mala vita – Racconti dal carcere” (Rai Eri) a cura di Antonella Bolelli Ferrera.

Quattrocento: è il numero dei detenuti e delle detenute di tutta Italia che hanno partecipato al Premio Goliarda Sapienza. Venticinque: sono i migliori racconti in assoluto e si trovano in questo libro.
 Non importa se in alcune pagine l’italiano zoppica. Non importa perché qui si parla di vite segnate, predestinate, di diritto alla libertà. Di persone rinchiuse che firmano, senza vergogna, frasi come queste: “Gli agenti della polizia penitenziaria sono la mia famiglia”.

Per scoprire questa “mala vita” e addentrarsi in un’umanità che esiste e sa raccontarsi nonostante tutto, Rai Letteratura ha incontrato Cinzia Tani e Antonella Bolelli Ferrera.

Antonella Bolelli Ferrera, nata a Bologna, è giornalista, autrice e conduttrice di programmi culturali, di costume e radiodrammi per Radio Rai, fra i quali La Storia in giallo, Rosso Scarlatto, Cuore di tenebra, Sulla cresta dell’onda, Speciali di Radio 3, Alle 8 della sera. 
Ha pubblicato: “Il fiore e la spada” (Baldini Castoldi Dalai); “Borderlife - Storie celebri di follia, devianze e tragici destini” (Baldini Castoldi DalaI) con il criminologo Francesco Bruno; “Inquiete – storie di artiste sublimi e femmine dannate” (Rai Eri); “Segreti d’Oriente” (Sellerio); “Volete sapere chi sono io? Racconti dal carcere“ (Mondadori); “Siamo noi, siamo in tanti. Racconti dal carcere” (Rai Eri) vincitore del Premio Fregene per la narrativa 2012; “Mala Vita. Racconti dal carcere” (Rai Eri).

 E’ ideatrice e curatrice del Premio letterario Goliarda Sapienza “Racconti dal carcere”.

Cinzia Tani, giornalista e scrittrice, è nata e vive a Roma. Ha frequentato il liceo classico, si è laureata in Lettere Moderne con una tesi su “Pavese traduttore di scrittori americani” e diplomata alla Scuola per Interpreti e Traduttori. Da settembre 2013 conduce quotidianamente con Guido Barlozzetti “Uno Mattina Caffè”. Tra i suoi libri, solo per ricordarne alcuni: Io sono un’assassina, storie di ragazze che uccidono (2011),
 Il bacio della Dionea (2012),
 Mia per sempre (2013), pubblicati per Mondadori.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo