Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Marco Montemarano: un inspiegabile omicidio

Il 28 maggio 2013 a Monaco Domenico Lorusso, un giovane ingegnere italiano, viene ucciso di notte su una pista ciclabile. Era uscito con la fidanzata, procedevano in fila indiana in bicicletta; lei riceve uno sputo in faccia da uno sconosciuto, lui insegue l'uomo e viene accoltellato; l'omicidio rimane impunito. Marco Montemarano conosceva la coppia e si trovava a poca distanza da loro quella notte. Nel romanzo Un solo essere (pubblicato da Neri Pozza) Montemarano mette in scena Natalia e Martin, che hanno molti tratti in comune con i protagonisti di questa storia. L'io narrante è Massimo, un romano che lavora all'università ed è amico di Natalia; poi c'è Alexander, un misterioso professore che rinnega la sua origine italiana a causa di un trauma, e c'è l'assassino, o almeno ci sono, varie ipotesi su di lui e sulla follia che ne ha motivato il gesto.

Con Marco  Montemarano abbiamo parlato della scelta di scrivere un romanzo a partire dalla storia di Domenico, dei personaggi del libro, e del  rapporto tra questo e il libro precedente La ricchezza.

Marco Montemarano è nato a Milano, cresciuto a Roma e vive da oltre vent’ anni a Monaco. È scrittore, giornalista, traduttore e musicista. Il suo romanzo Acqua passata è tra i vincitori dell’edizione 2012 del concorso IoScrittore ed è stato pubblicato in e-book. Con La ricchezza (2013) ha vinto la prima edizione del Premio Nazionale di letteratura Neri Pozza.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo