Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

A Paolo Cognetti il premio Strega 2017

Dopo aver vinto lo Strega Giovani 2017, Paolo Cognetti si aggiudica anche il Premio Strega con 208 voti. Seconda Teresa Ciabatti con 119 preferenze, terza Wanda Marasco 87, poiMatteo Nucci 79, Alberto Rollo 52.

Sin dalle prime pagine di Le otto montagne, l’ultimo romanzo di Paolo Cognetti, pubblicato da Einaudi, si resta conquistati dalla voce dello scrittore: una voce autentica, chiara e sommessa insieme, a cui il lettore si affida pienamente. Storia del passaggio dall’infanzia alla maturità, Le otto montagne mette in scena Pietro, figlio unico di una coppia che vive a Milano, padre chimico burbero, madre assistente sanitaria, socievole e affettuosa. I genitori di Pietro amano entrambi la montagna, ma in modo diverso: il primo ama scalarla e la sua meta preferita sono le pietraie, i ghiacciai, la seconda ama i boschi e i paesi. Pietro appena può si accoda al padre, anche perché le gite sono una delle poche occasioni che ha per stargli accanto. A Grana, il paesino sotto il Monte Rosa, dove la famiglia prende in affitto una casetta, c’è Bruno, un coetaneo di Pietro che pascola le mucche e in breve i due diventano inseparabili, ma solo per il periodo estivo. Romanzo su due amici che crescono in ambienti diversi, sentendosi quasi fratelli (con la gelosia e gli alti e bassi tipici del rapporto tra questi), Le otto montagne è anche un romanzo sul padre, sul dialogo a distanza con una figura fondamentale che non s’interrompe neppure con la morte, è un romanzo sulla montagna, sui suoi paesaggi, i suoi odori, i suoi sapori, la sua decadenza (gli abitanti che l’abbandonano, l’impossibilità di sopravvivere facendo gli antichi mestieri) ed è un romanzo sulla ricerca di sé che passa attraverso partenze e ritorni da un luogo dell’anima.

 

Paolo Cognetti è nato a Milano il 27 gennaio 1978. Ha scritto: Manuale per ragazze di successo, minimum fax, 2004; Una cosa piccola che sta per esplodere, minimum fax, 2007; Sofia si veste sempre di nero, minimum fax 2012; Il ragazzo selvatico, Terre di Mezzo, 2013; A pesca nelle pozze più profonde, minimum fax, 2014; Le otto montagne, Einaudi, 2016. Appassionato conoscitore di New York e della letteratura americana, ha pubblicato nel 2010 New York è una finestra senza tende, Laterza (che contiene il documentario Il lato sbagliato del ponte di cui è autore e regista) e, nel 2014, Tutte le mie preghiere guardano verso ovest (Edt).

Il suo blog è paolocognetti.blogspot.it.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo