Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Peppe Fiore: Dimenticare e la grandezza degli ultimi

Dimenticare, il nuovo romanzo dello scrittore Peppe Fiore pubblicato da Einaudi, racconta la storia conflittuale di due fratelli, in particolare di Daniele, che dei due sembra il più solido ed è invece portatore di un terribile segreto che verrà svelato solo nelle ultime pagine del libro. Peppe Fiore, che è anche sceneggiatore per il cinema, dirige non a caso cinematograficamente l'azione del romanzo, che si svolge nell'arco di 13 anni tra il lido di Fiumicino (Roma) e il bosco sperduto dell'Abruzzo in cui Daniele si rifugia all'insaputa di tutti. Il romanzo, da molti definito un noir, pur innescando i dispositivi del giallo di fatto disattende continuamente le aspettative del lettore, accompagnandolo abilmente in una narrazione capace di sorprendere fino alle ultime, struggenti pagine della storia.

Con Peppe Fiore in questa intervista abbiamo parlato di come il romanzo più che un noir in senso stretto sia invece una storia di solitudini che racconta il rapporto che ciascuno di noi ha con i propri mostri; del modo in cui l'autore da sempre ama raccontare personaggi qualunque in cui però a maggior ragione può essere folgorante trovare una scintilla di grandezza perché proprio dove meno ci si aspetterebbe di trovarla; delle due ambientazioni principali del libro, il lido di Fiumicino e il bosco abruzzese, così diverse ma anche così efficaci nel rappresentare le due anime del protagonista Daniele; e dello stile narrativo scelto da Peppe Fiore per questo romanzo rispetto ai lavori precedenti.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo