Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Riccardo Gazzaniga: due bambini nel bosco

Non devi dirlo a nessuno, secondo romanzo di Riccardo Gazzaniga, pubblicato da Einaudi, racconta l’uscita di un tredicenne dal mondo dell’infanzia. Nello spazio di un’estate Luca scopre la propria sessualità, vede collassare la sua famiglia e assiste a un efferato omicidio. In vacanza come tutti gli anni nel paese di Lamòn, con la madre sempre fuori casa e il padre magistrato sempre sulle sue carte, Luca gioca a calcio, va in bicicletta con il fratello minore, muore di invidia per il prestante Samuele, prova l’emozione delle prime uscite serali, s’innamora della bella Chiara, si lascia baciare dalla bruttarella Marica, si spaventa per l’incontro con il matto del posto e cerca di sventare un attentato ai danni dei suoi familiari. Gazzaniga restituisce le sensazioni di un ragazzino nell’era pre internet (siamo negli anni Ottanta) e l’esperienza delle estati al paese  dove ci si sente “foresti” e un po’ si prova orgoglio per questo e un po’ si vorrebbe invece essere come chi vive lì tutto l’anno. Un romanzo di formazione originale e sincero in cui ogni ragazzo può trovare molto di sé.

Con Riccardo Gazzaniga abbiamo parlato dei temi del libro e della sua lingua.

Riccardo Gazzaniga è nato a Genova nel 1976. Ha fatto il Liceo Classico ed è entrato in polizia. Lavora al Reparto Mobile nella caserma di Bolzaneto, dove è anche delegato sindacale Sindacato Italiano Appartenenti Polizia. Nel 2012 il suo romanzo A viso coperto ha vinto il Premio Calvino e l’anno dopo è uscito con Einaudi Stile Libero. Non devi dirlo a nessuno è uscito ad agosto sempre per Einaudi Stile Libero. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo