Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Singer raccontato da Moni Ovadia

Il protagonista del "Mago di Lublino" di Isaac B. Singer è un illusionista e ipnotizzatore che sa camminare in equilibrio su una corda tesa, scalare i muri, scrivere con le dita dei piedi, inghiottire spade, ritrovare oggetti smarriti, vedere al buio e aprire qualsiasi serratura. "Houdini ante litteram" come lo definisce Moni Ovadia in questa intervista. Yasha è un ebreo funambolico che ha abbandonato la sua religione e tradisce continuamente se stesso e gli altri, ma nonostante l’aspetto sicuro che sfoggia a ogni smargiassata, è tormentato da domande sul senso della vita e sulla genesi del mondo e non tarderà a mettere in discussione le sue scelte.

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo