Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Singer raccontato da Moni Ovadia

Il protagonista del "Mago di Lublino" di Isaac B. Singer è un illusionista e ipnotizzatore che sa camminare in equilibrio su una corda tesa, scalare i muri, scrivere con le dita dei piedi, inghiottire spade, ritrovare oggetti smarriti, vedere al buio e aprire qualsiasi serratura. "Houdini ante litteram" come lo definisce Moni Ovadia in questa intervista in anteprima alla puntata ESPIAZIONE, Yasha è un ebreo funambolico che ha abbandonato la sua religione e tradisce continuamente se stesso e gli altri, ma nonostante l’aspetto sicuro che sfoggia a ogni smargiassata, è tormentato da domande sul senso della vita e sulla genesi del mondo e non tarderà a mettere in discussione le sue scelte.

La puntata ESPIAZIONE mette insieme tre testi meravigliosi: i romanzi "Il mago di Lublino" di Isaac B. Singer e "Padre Sergio" di Lev Tolstoj, insieme al libro-inchiesta sulla sanguinosa Cambogia dei rivoluzionari Khmer rossi "Il sorriso di Pol Pot" di Peter Froberg Idling. Maria Agostinelli ci presenta invece "La fuga del signor Monde" di Georges Simenon.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo