Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Daniele Rielli: tutti i popoli sbagliano a modo loro

Daniele Rielli: tutti i popoli sbagliano a modo loro

Che parta per l’Albania della corruzione e dei falliti esperimenti televisivi, o per il Montenegro dei giocatori di poker, o per il Mugello dei fan di Valentino Rossi, o per la Puglia dello sfarzoso matrimonio indiano, o per la fabbrica dei retroscena costituta dal parlamento romano ciò che interessa ...

Leggi tutto

Silvia Avallone: Flaubert ai Lombriconi

Silvia Avallone: Flaubert ai Lombriconi

È un romanzo di polarità Da dove la vita è perfetta di Silvia Avallone, appena uscito da Rizzoli. Da una parte Adele, diciassettenne rimasta incinta per sbaglio, dall’altra Dora incattivita dal desiderio frustrato di un figlio. E poi ci sono nel libro due Bologne distantissime tra loro, quella dei Lombriconi, ...

Leggi tutto

Antonella Lattanzi: la notte in cui Vito è scomparso

Antonella Lattanzi: la notte in cui Vito è scomparso

Sin dalle prime righe di Una storia nera (Mondadori), Antonella Lattanzi crea un’atmosfera di suspense, tiene all’erta il lettore. C’è Carla, una donna che ha paura di Vito, l’ex marito, ancora molto geloso di lei e molto violento; ci sono i loro tre figli, due grandi e una di soli tre anni, coinvolti ...

Leggi tutto

Jhumpa Lahiri: i miei libri e le loro copertine

Jhumpa Lahiri: i miei libri e le loro copertine

Secondo libro scritto da Jhumpa Lahiri in italiano e pubblicato da Guanda, Il vestito dei libri, parte da una considerazione autobiografica: come l’autrice da bambina soffriva a mettersi gli abiti bengalesi che piacevano a sua madre e sognava di essere schermata dallo sguardo degli altri da una divisa ...

Leggi tutto

Matteo Marchesini: un interminabile preludio

Matteo Marchesini: un interminabile preludio

“Sì, soltanto ora lo vedo, qui rovesciato sul nuovo divano Ikea: quest’ansia mi riguarda, e nella sua forma più grave: che è poi la volontà primordiale e ostinata di credere che quella che sto vivendo non sia mai la realtà vera, ma quasi un gioco offertomi sulla sua soglia da adulti invisibili, quasi ...

Leggi tutto

Aura Xilonen: amori e speranze in terra straniera

Aura Xilonen: amori e speranze in terra straniera

Campione gringo della giovanissima esordiente messicana Aura Xilonen (tradotto da Bruno Arpaia per Rizzoli) racconta di Liborio, che è arrivato negli Stati Uniti buttandosi a nuoto nel Rio Bravo. Non sa di preciso quanti anni ha (sedici o diciassette), è cresciuto con una madrina che lo picchiava e lo ...

Leggi tutto

Hisham Matar vince il Pulitzer per l`autobiografia

Hisham Matar vince il Pulitzer per l`autobiografia

Il ritorno di Hisham Matar ha vinto il premio Pultizer nella sezione «Biografia e autobiografia». Il ritorno (traduzione di Anna Nadotti, Einaudi) si muove intorno a due date: il 1990, in cui Jaballa Matar, il padre del narratore, leader dell’opposizione a Gheddafi, viene rapito al Cairo e portato ...

Leggi tutto

Mauro Covacich: per una cartografia interiore

Mauro Covacich: per una cartografia interiore

“La città interiore è ciò che accade nella mia mente, non volevo scrivere un libro su Trieste, volevo ricostruire una mia genealogia letteraria e affettiva“ così Mauro Covacich presenta La città interiore (La nave di Teseo).  Confluiscono in questo libro vari filoni: c’è quello letterario, quello autobiografico, ...

Leggi tutto

Burhan Sönmez: racconti da una cella

Burhan Sönmez: racconti da una cella

“L’inferno non è il luogo dove soffriamo, è il luogo dove nessuno sente le nostre sofferenze”: con questa citazione dal mistico persiano al-Hallaj si chiude il romanzo dello scrittore turco Burhan Sönmez, Istanbul, Istanbul tradotto da Anna Valerio per Nottetempo. In una cella sotterranea un gruppo di ...

Leggi tutto

Andrea Piva: il mio romanzo filosofico

Andrea Piva: il mio romanzo filosofico

“E vedi, lettore, Roma è dalla mia parte. Roma mi vuole bene. Roma ha sempre fatto così, ha sempre allevato i propri cancri con amore, anche i peggiori: accoglierà anche me amorosamente tra le sue rovine. Ah, Roma, quanto stupendamente livida e spettrale. Sembra un cadavere seppellito a metà. Il luogo ...

Leggi tutto