Seguici    
 
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

Le trasposizioni di Frankenstein al cinema


Frankenstein, di James Whale, 1931


Pubblicato per la prima volta l’11 marzo del 1818 in forma anonima da Mary Shelley (1797–1851), all’epoca appena ventunenne, il romanzo "Frankenstein, o il moderno Prometeo", fu accolto con perplessità dalla critica ma riscosse da subito uno straordinario successo di pubblico, tanto che alla seconda edizione (quando si scoprì che l’autrice era una donna), la critica corresse il tiro e venne pubblicata la celebre frase: “Per un uomo era eccellente ma per una donna è straordinario”, che la dice lunga non solo sul pregiudizio dell’epoca sulle capacità femminili ma anche sulla lungimiranza dell’autrice che preferì non svelare subito la sua identità. Frankenstein, probabilmente il più famoso e importante romanzo gotico di tutti i tempi, è anche uno dei libri che contano più trasposizioni cinematografiche. In questa gallery vi proponiamo una selezione tra il 1931 e il 1974 di locandine di film tratti (alcuni molto liberamente) da Frankenstein di Mary Shelley.