Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gli Insperati incontri letterari di Silvio Perrella

Il libro Insperati incontri, appena pubblicato da Gaffi Editore, è una raccolta di incontri reali e immaginari con scrittori, poeti e artisti raccolti dal critico letterario e scrittore Silvio Perrella, autore fra gli altri di Calvino (Laterza, 1999) e curatore del celebre Meridiano Mondadori dedicato a Raffaele La Capria (2003).

Il volume, strutturato con l’espediente dell’alfabeto, mette insieme gli incontri reali e a volte immaginari dell’autore con personalità del calibro di Italo Calvino, Gianni Celati, Raffaele La Capria, Ferdinando Camon, Antonio De Benedetti, Giulio Einaudi, Giangiacomo Feltrinelli, Alda Merini, Amelia Rosselli, Luigi Pirandello, Elvira Sellerio, Ginevra Bompiani, Erri De Luca, Andrea Zanzotto e moltissimi altri, restituendo al lettore una bellissima ricognizione tra realtà e immaginazione in cui l’autore va “a bottega di alfabeto” e “impara l’artigianato dello scrivere, l’artigianato del guardare, l’artigianato dello stare al mondo”, tracciando una serie di ritratti delle “persone” dietro le opere e attraversando quella quotidianità minuta e nascosta dei grandi nomi della letteratura e non solo che, esercitando la nobile arte della sottrazione, Silvio Perrella ha selezionato nel dare forma a questo libro.

Abbiamo incontrato Silvio Perrella presso la galleria Nuova Pesa di Roma, in occasione della sua presentazione di Insperati incontri e contestualmente alla mostra (curata da Giovanni Damiani e Matteo Di Stefano) "Physis" di Carlo Rea, figlio del grande Ermanno Rea, che figura nel libro tra gli artisti incontrati da Perrella.

Oltre a chiedergli di raccontarci la genesi, la stesura e l’inclassificabile ricchezza di questo volume, abbiamo parlato con Silvio Perrella di alcuni di questi Insperati incontri, quelli con Italo Calvino, Mattia Pascal (in vece del suo creatore Luigi Pirandello), Gianni Celati e Raffaele La Capria.

Buona visione.