Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Michael Zadoorian, Beautiful Music

“La musica è la mia lingua, la colonna sonora che squilla nella mia testa, fatta apposta per soffocare la rabbia di mia madre. È tutto quello che mi dico per sopportare una giornata di spintoni, prese per il culo, insulti. È la mia coperta di Linus, il mio campo di forza, la mia sonora, elettrica, urlante martellante versione audio della bolla. È il mio Babbo Natale, la mia fatina dei denti, il mio coniglietto di pasqua. Con la differenza che la musica esiste davvero.” In Beautiful Music, tradotto da Claudia Tarolo per Marcos y Marcos, Michael Zadoorian racconta un pezzo di infanzia e di adolescenza di Daniel Ymzeski, un ragazzino che nella Detroit dei primi anni settanta trova, nella radio prima e poi nei dischi che si compra, la forza per sopportare lo stato catatonico della madre e il bullismo che subisce a scuola e nel lavoro pomeridiano come impacchettatore di libri. A dieci anni la vita di Daniel non era così male: stava molto a casa, costruiva modellini di auto, il padre lo portava a vedere gare di macchine, la mamma aveva giorni buoni in cui cucinava qualcosa, rideva, giocava a carte. Certo, fuori impazzava la rivolta razziale, i genitori commentavano con preoccupazioni i telegiornali e lui era angosciato dal pensiero del liceo dove era convinto che l’avrebbero costretto a drogarsi. Qualche anno dopo il padre muore d’infarto e Daniel resta solo a fronteggiare la schizofrenia della madre, i problemi economici, e l’aggressività che il suo aspetto dimesso scatena nei coetanei. Ma c’è la musica che lo accompagna da quando si sveglia a quando va a letto e il sogno di diventare un conduttore radiofonico lo rafforza e lo sostiene traghettandolo verso la maturità.

 

Michael Zadoorian è nato a Detroit, dove vive e lavora, nel 1957.Dopo la laurea alla Wayne State University e la scoperta dell'opera di Raymond Carver, ha iniziato a scrivere racconti mentre svolgeva i più disparati mestieri. Il suo esordio nella narrativa è avvenuto nel 2000 con il romanzo Second hand - Una storia d'amore, pubblicato in Italia dalla casa editrice Marcos y Marcos, con protagonista il proprietario di un negozio di oggetti usati a Detroit convinto che, in ogni oggetto dimenticato, vi siano nuovi significati da scoprire e svelare. Nel 2009 In viaggio contromano (al cinema per la regia di Paolo Virzì con Helen Mirren e Donald Sutherland come protagonisti) e nello stesso anno esce la raccolta di racconti Il mondo delle cose, pubblicata in Italia l'anno dopo. Nel 2018 viene pubblicato Beautiful Music.