Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Mauro Corona

Artista, alpinista (ha scalato numerose vette italiane ed estere aprendo oltre 300 vie di scalata nelle dolomiti d'oltrepiave), scrittore di molti bestseller (l'ultimo dei quali Venti racconti allegri e uno triste è già oltre le centomila copie), Mauro Corona è un personaggio controverso e schivo.  Non è facile riuscire a scovarlo nella bottega-tana dove scolpisce il legno, più probabile trovarlo all'osteria o disperso nei boschi intorno a Erto, dov'è nato.  Uno speciale di Rai Letteratura all'indomani della sua dichiarazione a Pordenonelegge in cui ha annunciato di volersi ritirare a vita privata. "Sono sempre stato perseguitato dall'esagerazione. Ero goloso e ho smesso di mangiare, bevevo alcolici e da un anno non tocco più un bicchiere. Fino a poco tempo fa anche a me piacevano i riflettori, la fama, ma ora penso sia il momento di tornare nella mia baita e alle mie montagne. Tra sculture, scalate e, perché no, ai miei libri, che continuerò a scrivere finché avranno successo, ma non occorre più che mi faccia vedere. Oltrettutto, stare tra la gente è bello, ma porta a essere invidiati. E io ho paura dell'invidia, perché mi costringe a combattere".